ABBONAMENTI VENDUTI 2017/18: TRIBUNA SOCIO SOSTENITORE (€ 600,00) N. 9 PARI AD € 5.400,00, TRIBUNA CENTRALE INTERO (€ 250,00) N. 48 PARI AD € 12.500,00, TRIBUNA CENTRALE RIDOTTO (€ 180,00) N. 12 PARI AD € 2.160,00, TRIBUNA LATERALE INTERO (€ 160,00) N. 45 PARI AD € 7.200,00, TRIBUNA LATERALE RIDOTTO (€ 120,00) N. 17 PARI AD € 2.040,00, DISTINTI INTERO (€ 110,00) N. 6 PARI AD € 660,00, DISTINTI RIDOTTO (€ 80,00) N. 6 PARI AD € 460,00, CURVA NORD INTERO (€ 80,00) N. 46 PARI AD € 3.680,00, CURVA NORD RIDOTTO (€ 60,00) N. 5 PARI AD € 300,00; MINORENNI: TRIBUNA CENTRALE UNDER 12-17 (€ 150,00) N. 6 PARI AD € 900,00, TRIBUNA LATERALE UNDER 12-17 (€ 100,00) N. 4 PARI AD € 400,00, DISTINTI UNDER 12-17 (€ 60,00) N. 3 PARI AD € 180,00, CURVA NORD UNDER 12-17 (€ 50,00) N. 33 PARI AD € 1.650,00. TOTALE ABBONAMENTI VENDUTI N. 243, PARI A COMPLESSIVI € 37.650,00.

match

QUATTRO PARTITE IN VENTUNO GIORNI

Sarà un fine anno intenso per l'undici biancoverde. In ventuno giorni, Sassarini e compagni disputeranno quattro partite delicatissime ai fini del morale e della classifica. Ovvero, ai fini della consapevolezza di che tipo di campionato potrà disputare l'Avezzano Calcio, visto che il 18 dicembre si chiuderà il girone di andata. Una squadra, la nostra, reduce da quattro risultati utili consecutivi (0 a 0 a Trestina, 3 a 1 col Rieti, 1 a 1 nel derby d'Abruzzo e 2 a 0 nell'ultima di campionato) e in grado di avere margini di miglioramento pazzeschi.
Bene la difesa da un mese a questa parte, con Lewandowski che ha ritrovato concentrazione e determinazione, con Tabacco e Menna sempre più coppia di ferro; Leto poi ha fatto capire a tutti che la maglia n. 3 è la sua maglia. Cresce Morgan Besana, classe '99, in grado di garantire un certo rendimento che a diciassette anni non è scontato. Anzi.
Nel reparto centrale, finalmente Sassarini e D'Eramo hanno capito come dosare le loro forze. Il capitano è diventato infaticabile, e sembra più "motorino di ricerca", mentre D'Eramo non solo ci mette la giovane età, ma anche gol pesanti.
Sulle fasce, Padovani e Bittaye regalano sempre una spina nel fianco alle difese avversarie. Serrago arriva da lontano ed è una piacevole scoperta; col Lanusei ha fatto assaggiare qualcosa che speriamo sia soltanto un succulento antipasto. L'esperienza di Di Genova dovrebbe garantire continuità, mentre si aspetta di vedere un Lo Pinto sempre più consapevole dei suoi mezzi.
In settimana ha ripreso ad allenarsi Emanuele Lombardo, e questo è già un dato non da poco. 
Sul fronte mercato, De Angelis sta lavorando per rinforzare il reparto offensivo con una punta centrale che possa garantire da qui a maggio almeno 12 o 15 gol, oltre a qualche contorno di prospettiva. 
Tornando alle prossime quattro partite, l'Avezzano si recherà domenica 4 dicembre ad Ostia Mare, contro la seconda della classe. 90' che potranno dire tanto sul campionato dei biancoverdi. I laziali in casa e fuori sono formidabili. 7 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte finora: questo il loro cammino. Mancherà Leto, squalificato, e rientrerà Tariuc dal rosso rimediato a L'Aquila. Il segretario Puglielli ha preparato nel frattempo il ricorso contro le squalifiche di Lo Pinto e Di Genova e si spera che i turni di squalifica vengano ridotti per entrambi.
Nel giorno dell'Immacolata, i biancoverdi ospiteranno la quarta forza del campionato, l'Arzachena, club che punta dichiaratamente ai play off, e che Sassarini e compagni dovranno arginare nel modo migliore se vorranno mettere la quinta...
Dopo solo 3 giorni, l'11 dicembre, l'Avezzano Calcio andrà in casa del Città di Castello, penultima della classe, e probabilmente l'avversario peggiore, visto e considerato che contro le squadre meno accreditate la nostra formazione soffre parecchio a prendere il sopravvento.
Prima di Natale e della sosta per le festività, il 18 dicembre, i ragazzi guidati da Pino Tortora giocheranno col fanalino di cosa Torres, che ha raccolto 6 punti in tredici giornate e che sembra un avversario, l'unico, davvero abbordabile. Ma attenzione! In questo campionato di abbordabile c'è solo la parola. Il campo fino ad oggi ha detto che bisogna correre sudare, e avere fame da vendere, per poter vincere contro la prima e contro l'ultima della classe. Dunque, contro la Torres bisognerà ricordarsi di questo se si vorrà passare un Natale vicino alla prua...
La gioia attorno a D'Eramo dopo il gol