ABBONAMENTI VENDUTI 2017/18: TRIBUNA SOCIO SOSTENITORE (€ 600,00) N. 3 PARI AD € 1.800,00, TRIBUNA CENTRALE INTERO (€ 250,00) N. 25 PARI AD € 6.250,00, TRIBUNA CENTRALE RIDOTTO (€ 180,00) N. 0 PARI AD € 0,00, TRIBUNA LATERALE INTERO (€ 160,00) N. 19 PARI AD € 3.040,00, TRIBUNA LATERALE RIDOTTO (€ 120,00) N. 6 PARI AD € 720,00, DISTINTI INTERO (€ 110,00) N. 1 PARI AD € 110,00, DISTINTI RIDOTTO (€ 80,00) N. 0 PARI AD € 0,00, CURVA NORD INTERO (€ 80,00) N. 16 PARI AD € 1.280,00, CURVA NORD RIDOTTO (€ 60,00) N. 1 PARI AD € 60,00; MINORENNI: TRIBUNA CENTRALE UNDER 12-17 (€ 150,00) N. 0 PARI AD € 0,00, TRIBUNA LATERALE UNDER 12-17 (€ 100,00) N. 0 PARI AD € 0,00, DISTINTI UNDER 12-17 (€ 60,00) N. 0 PARI AD € 0,00, CURVA NORD UNDER 12-17 (€ 50,00) N. 0 PARI AD € 0,00. TOTALE ABBONAMENTI VENDUTI N. 76, PARI A COMPLESSIVI € 13.200,00.

match

TANTE VITTORIE NELL'ULTIMA GIORNATA


La giornata di campionato appena trascorsa è stata caratterizzata da ben otto vittorie (di cui due esterne) e nessun pareggio. E sono stati segnati 16 gol, 9 dalle squadre che giocavano in casa e 7 da quelle che invece viaggiavano. Che vogliono dire questi numeri? Tante cose secondo noi. La prima è che dobbiamo abituarci a vedere un altro campionato in questo girone di ritorno, dopo che tutte le squadre hanno cambiato i loro organici nel mercato appena concluso. Vedere che non ci sono stati pareggi fa pensare che tutti, ma proprio tutti, ormai pensano a conquistare l’intera posta in palio. La classifica è corta, il campionato è equilibrato, quindi vincendo una partita si rischia di andare in zona play off, perdendone un’altra c’è il rischio opposto, ovvero quello di sprofondare nelle zone basse della classifica. Domenica scorsa si è giocato su tutti i campi tranne quello di Agnone dove era di scena l’Avezzano. Le condizioni meteo erano proibitive per poter pensare che l’arbitro facesse iniziare l’incontro, ma non è stato fatto nulla neanche per provare a liberare il campo dalla neve. Non c’era neanche l’ombra di un volontario che facesse finta di spazzare il rettangolo verde. Eppure il terreno di gioco dell’Olympia Agnonese è in sintetico, quindi ci si poteva almeno provare. Bastava poco, poi se la neve continuava a cadere pazienza, tutti a casa. 
Questa non vuol essere una critica alla società molisana, vogliamo però ricordare che le società che partecipano a questo torneo sono tutte dilettantistiche, quindi per portare avanti il campionato fanno dei sacrifici enormi. E pensare di dover recuperare una partita significa, in buona sostanza, altri costi da sostenere. Ci sarà da affrontare un nuovo ritiro, l’ennesimo lungo viaggio, nuove spese, insomma, che ogni dirigente farebbe volentieri a meno di avere. Ma tant’è. Tempo fa ho partecipato ad un convegno sulla gestione finanziaria di una società di calcio dilettantistica ed è emerso un dato impressionante ma molto significativo. Il 43% delle società ha difficoltà a portare avanti la normale gestione dopo appena un anno di attività, il 61% dopo il secondo e addirittura il 74% dopo il terzo anno di attività. I motivi sono, bene o male, sempre gli stessi: alte spese generali, pochi contributi federali, incassi al limite della sopravvivenza, introiti pubblicitari minimi e spesso stipendi (o meglio rimborsi) per i calciatori troppo elevati. Dobbiamo riflettere su queste cose e pensare che fare calcio di questi tempi non è un gioco per nessuno. Anche e soprattutto in serie D. 
Torniamo però alla giornata appena conclusa. L’impresa l’ha fatta, secondo noi, l’Amiternina che è riuscita a battere di misura (1-0) la ex vicecapolista Matelica. Ne approfitta il Fano che vince fuori casa contro la Folgore Veregra (0-3) e sale al secondo posto in classifica. Adesso però la distanza dalla Sambenedettese, che ha battuto al Riviera delle Palme il Campobasso (2-1), è aumentata a ben otto punti. Campionato chiuso? Se dietro non accelerano, e se la Samb continua a vincere sempre, direi di si. Altro show è quello che ha fatto il San Nicolò, perdeva per 2-0 in casa con il Castelfidardo ed alla fine la squadra di Epifani è riuscita a ribaltare il risultato (3-2). Che carattere! Brutte notizie per il Chieti (0-1 in casa con la Fermana) e Giulianova (sconfitta per 1-0 ad Isernia). Il Chieti sarà il prossimo avversario dell’Avezzano domenica prossima. Un derby che allo stadio dei Marsi manca da troppi anni, ben quindici, con entrambe le squadre che hanno bisogno di punti. (Pino Razzano)