ABBONAMENTI VENDUTI 2017/18: TRIBUNA SOCIO SOSTENITORE (€ 600,00) N. 3 PARI AD € 1.800,00, TRIBUNA CENTRALE INTERO (€ 250,00) N. 25 PARI AD € 6.250,00, TRIBUNA CENTRALE RIDOTTO (€ 180,00) N. 0 PARI AD € 0,00, TRIBUNA LATERALE INTERO (€ 160,00) N. 19 PARI AD € 3.040,00, TRIBUNA LATERALE RIDOTTO (€ 120,00) N. 6 PARI AD € 720,00, DISTINTI INTERO (€ 110,00) N. 1 PARI AD € 110,00, DISTINTI RIDOTTO (€ 80,00) N. 0 PARI AD € 0,00, CURVA NORD INTERO (€ 80,00) N. 16 PARI AD € 1.280,00, CURVA NORD RIDOTTO (€ 60,00) N. 1 PARI AD € 60,00; MINORENNI: TRIBUNA CENTRALE UNDER 12-17 (€ 150,00) N. 0 PARI AD € 0,00, TRIBUNA LATERALE UNDER 12-17 (€ 100,00) N. 0 PARI AD € 0,00, DISTINTI UNDER 12-17 (€ 60,00) N. 0 PARI AD € 0,00, CURVA NORD UNDER 12-17 (€ 50,00) N. 0 PARI AD € 0,00. TOTALE ABBONAMENTI VENDUTI N. 76, PARI A COMPLESSIVI € 13.200,00.

match

AVEZZANO DEVI ESSERE PIU' CINICA D'ORA IN POI

Il diesse De Angelis col n. 1 D'Avino
La sconfitta di Montegranaro contro la Folgore Veregra verrà analizzata dalla truppa biancoverde già da oggi pomeriggio alla ripresa degli allenamenti settimanali. Il tecnico Lucarelli, come al solito, parlerà con la squadra per capire cosa c’è che non sta andando in queste ultime giornate di campionato, e farà rivedere il video della gara di domenica ai suoi giocatori per correggere gli eventuali errori commessi. Molto chiaro il suo pensiero sul momento particolare che sta attraversando la squadra: “Nell’ultimo mese e mezzo abbiamo buttato al vento tante occasioni per poter stare in una posizione di classifica più consona alle nostre qualità. Purtroppo abbiamo perso di vista l’obiettivo e la nostra identità è cambiata. E’ vero che siamo in emergenza per quanto riguarda i giocatori, ma adesso non abbiamo più scuse. Dobbiamo tornare a vincere già da domenica con l’Isernia, è un obbligo. Voglio vedere di nuovo un’Avezzano affamata come nelle prime giornate, che corre in mezzo al campo, ben organizzata e che non pensa più a cose che potrebbero distrarla”. E’ chiarissimo il riferimento dell’allenatore avezzanese alla gestione della partenza di Alessio Di Massimo che ha destabilizzato troppo tutto l’ambiente. Con la conseguenza che i risultati ottenuti sul campo non sono stati proprio positivi, avendo ottenuto, la formazione biancoverde, appena 2 punti su 5 partite disputate, frutto dei due pareggi con la Vis Pesaro in casa (1-1) ed il Giulianova fuori casa (0-0). Per il resto tre sconfitte (Matelica, Fano e Folgore Veregra) ed ultima vittoria, contro il Campobasso in casa (3-1), che risale all’8^ giornata (18 ottobre). Eppure il gioco non manca, anzi. Si creano tantissime azioni da gol durante i 90’, ma non vengono concretizzate a dovere. Bisogna essere molto più cinici in simili circostanze. Pochi fronzoli e buttiamo dentro ogni pallone che capita a tiro e vedrete che il vento cambierà di direzione e la classifica riprenderà a migliorare. Prima lì davanti c’era il solo Di Genova, adesso, da domenica, è tornato anche Pasquale Moro a dare una mano, quindi non ci sono più alibi. Facciamo tesoro di quello che è stato il passato, ma guardiamo avanti con spirito positivo. D’altronde la classifica non è corta, è cortissima. In appena 7 punti ci sono 13 squadre, ed il campionato è estremamente equilibrato. Bastano pochi risultati utili consecutivi per ritrovarsi in una posizione interessante in graduatoria. Tra pochi giorni, poi, riaprirà anche il calcio mercato e l’Avezzano verrà potenziata con elementi di valore proprio per ambire a posizioni di prestigio. Il Presidente Paris continua a ripeterlo all’infinito che questa squadra non è inferiore a nessun’altra compagine di questo girone e le ambizioni di vederla in zona play off, al termine del torneo a maggio, sono legittime. Noi aggiungiamo solo che per ottenere certi risultati c’è bisogno però del lavoro di tutti: del Presidente, dei giocatori, dell’allenatore, dei dirigenti, della stampa e soprattutto del pubblico che deve essere il dodicesimo uomo in campo. La storia sportiva di questa città dimostra che, se siamo tutti uniti, i risultati arriveranno, lo stadio dei Marsi tornerà ad essere pieno come nei bei tempi andati e gli avversari che ci giocheranno dovranno avere sempre un certo timore reverenziale. Non è un sogno credetemi, facciamo in modo che si realizzi. Sarebbe bellissimo. (Pino Razzano)