PIOTR BRANICKI E' UN GIOCATORE DELL'AVEZZANO. SI ASPETTANO SOLO I TEMPI TECNICI PER LA FIRMA DEL CONTRATTO FEDERALE

match

VITTORIA E SALVEZZA VICINA

L’Avezzano batte di misura l’Amiternina (1-0) con un gol di Lorenzo Di Curzio e si avvicina sensibilmente alla salvezza matematica. E’ bastato un solo gol per piegare la resistenza degli ospiti che da questa sera sono, invece, matematicamente retrocessi nel campionato di Eccellenza. Di Curzio ha segnato oggi la sua nona rete stagionale in campionato, non male per uno come lui che è arrivato soltanto a Natale dello scorso anno. Adesso con i 41 punti all’attivo il distacco dall’ultima posizione della zona play out, occupata dall’Olympia Agnonese, è diventato di 4 lunghezze. I 41 punti potrebbero anche bastare per dirsi salvi a tutti gli effetti ma bisognerà vedere i risultati delle altre, soprattutto delle due che sono a quota 37 (Isernia ed Olympia Agnonese appunto). L’ Avezzano oggi doveva vincere e vittoria è stata, e tanto basta ai tifosi biancoverdi che volevano vedere un successo della propria squadra del cuore. In difesa veniva riconfermato il portiere Di Girolamo, mentre Felli tornava ad occupare la posizione di terzino sinistro. Turno di riposo per Venditti, per il resto stessa formazione di Isernia con il ritorno di Censori in mezzo al campo, dopo la giornata di squalifica. Si inizia a giocare con il sole e su di un campo molto allentato per via della tanta pioggia caduta nelle ore precedenti. L’Amiternina, piena zeppa di giovani, ha provato a giocarsi la partita come poteva, ma già dopo 13’ era sotto di un gol. Rilancio dalla metà campo dei padroni di casa, buco clamoroso della difesa giallorossa e Di Curzio, a tu per tu con il portiere Di Vincenzo, segna con un perfetto rasoterra. La rete del vantaggio galvanizza la squadra di casa che cerca in tutti i modi di raddoppiare e di mettere in cassaforte il risultato. Ci prova Bisegna al 20’ su punizione, ma l’estremo difensore ospite è costretto alla deviazione con i pugni. Intorno alla mezz’ora altra bella giocata dell’Avezzano: Di Curzio serve Bisegna che tira a giro di sinistro, si distende Di Vincenzo pronto alla deviazione in angolo. Sulla battuta del corner è Menna che di testa manda fuori di pochissimo. Al 34’ azione tutta di prima Bisegna – Felli – Pollino che serve Di Genova in area di rigore, ma il tiro del numero undici è da dimenticare. Si va al riposo con l’Avezzano in vantaggio e con il pubblico che chiede in continuazione i risultati che arrivano dagli altri campi. Ad inizio ripresa è sempre lo scatenato Bisegna che tira da fuori area, ma la conclusione finisce sul fondo. E l’Amiternina? Gli ospiti sono evanescenti e l’unica occasione per pareggiare ce l’hanno al 17’ quando il neo entrato Mazzaferro tira da ottima posizione con il pallone che finisce fuori di poco. Tutta qui la reazione della squadra di Candido Di Felice che scompare definitivamente dalla scena. Al 21’ il solto Bisegna tira dalla lunga distanza, Di Vincenzo para ma non trattiene il pallone. Deve intervenire un difensore per evitare la capitolazione finale. Verso il 32’ Di Curzio aggancia un pallone fuori area e tenta una conclusione balistica che non ha molta fortuna perché la palla finisce alta sulla trasversale. E’ l’ultima occasione per i padroni di casa che decidono di amministrare il vantaggio e fanno scorrere i restanti minuti. C’è il tempo per vedere in campo anche Iommetti e Persia che prendono il posto di Di Genova e Pollino. Il risultato non cambia più, neanche con i 3’ di recupero concessi dall’arbitro. (Pino Razzano)