ABBONAMENTI VENDUTI 2017/18: TRIBUNA SOCIO SOSTENITORE (€ 600,00) N. 0 PARI AD € 0,00, TRIBUNA CENTRALE INTERO (€ 250,00) N. 3 PARI AD € 750,00, TRIBUNA CENTRALE RIDOTTO (€ 180,00) N. 0 PARI AD € 0,00, TRIBUNA LATERALE INTERO (€ 160,00) N. 3 PARI AD € 480,00, TRIBUNA LATERALE RIDOTTO (€ 120,00) N. 3 PARI AD € 360,00, DISTINTI INTERO (€ 110,00) N. 0 PARI AD € 0,00, DISTINTI RIDOTTO (€ 80,00) N. 0 PARI AD € 0,00, CURVA NORD INTERO (€ 80,00) N. 3 PARI AD € 240,00, CURVA NORD RIDOTTO (€ 60,00) N. 0 PARI AD € 0,00; MINORENNI: TRIBUNA CENTRALE UNDER 12-17 (€ 150,00) N. 0 PARI AD € 0,00, TRIBUNA LATERALE UNDER 12-17 (€ 100,00) N. 0 PARI AD € 0,00, DISTINTI UNDER 12-17 (€ 60,00) N. 0 PARI AD € 0,00, CURVA NORD UNDER 12-17 (€ 50,00) N. 0 PARI AD € 0,00. TOTALE ABBONAMENTI VENDUTI N. 12, PARI A COMPLESSIVI € 1830,00.

match

E' ARRIVATO IL GRANDE GIORNO DEL DERBY

Ci siamo quasi, l’attesa è durata oltre 22 anni, ma finalmente si tornerà a disputare il derby tra Avezzano e L’Aquila. Bisognerà attendere le ore 16 di domenica 28 agosto e poi rivedremo, allo stadio dei Marsi, i lupi biancoverdi affrontare i rossoblù del capoluogo di Regione. Tanti anni sono passati, forse troppi, per due città che vivono questo derby come un qualcosa di veramente importante, una partita speciale, 90’ di passione, durante i quali l’unico obiettivo sarà vincere, segnare un gol in più degli avversari per poter affermare la propria supremazia. Il pareggio, in partite del genere, non conta nulla, è abolito. Si sa che la rivalità tra le due città è storica sotto tutti i punti di vista, ed a livello calcistico tocca poi livelli incredibili. La prima cosa che hanno fatto tutti i tifosi biancoverdi, quando sono usciti i calendari, è stata quella di andare a vedere quando si disputava il derby in campionato. Troppo lontana la 12^ giornata di ritorno (2 aprile 2017) per rivedere una partita del genere allo stadio dei Marsi. Ecco allora che ci ha pensato la Coppa Italia a mettere di fronte le due squadre della nostra Provincia. Domenica prossima infatti si disputerà il primo turno della Coppa riservata alle squadre di serie D e l’occasione sarà ghiotta per vedere all’opera le due compagini. La squadra di Massimo Morgia, appena retrocessa dalla Lega Pro, nel turno preliminare ha battuto ai calci di rigore i laziali del Monterosi, dopo che i tempi regolamentari si erano conclusi sull’1-1. L’Avezzano domenica scorsa, invece, ha riposato attendendo il nome della sua prossima avversaria. L’ambiente è su di giri, tutto è stato preparato alla perfezione, la prevendita dei biglietti sta andando alla grande ed in città non si parla di altro. Si attende ora solo il fischio d’inizio. Dal punto di vista tecnico la squadra si è allenata molto bene in settimana e mister Tortora ha tenuto tutti sulla corda per potersi meritare una maglia da titolare. Lui di derby ne ha giocati tanti nella sua carriera da calciatore e sa che partite del genere vanno affrontate con molta concentrazione. Dice il tecnico calabrese: “Sarà una partita difficile, dove tutti i nostri tifosi si aspettano una grande prestazione. Affronteremo una squadra organizzata, ben strutturata ed allenata da un tecnico (Morgia, ndc) che conosce bene la categoria. Hanno speso tantissimo rispetto a noi, dico però che solo con i budget faraonici non si vincono i campionati. Ci vuole altro, e voglio che la mia squadra mi rappresenti. Dovremo essere dei guerrieri in campo, affamati di vittorie e pronti a versare fino all’ultima goccia di sudore per fare nostra questa e tutte le altre partite che ci saranno”. Poi il tecnico biancoverde parla del pubblico che si aspetta domenica prossima sugli spalti: “Spero sia numeroso e rumoroso, tutti noi abbiamo bisogno di loro. Vorrei vedere quel senso di appartenenza degli avezzanese veri. Il mio obiettivo è anche quello di riportare più gente possibile allo stadio. Io sono un tipo caparbio e ci riuscirò, ne sono sicuro”. L’arbitro della partita sarà il Sig. Panettella di Bari, i due assistenti Scoppio e Centrone di Molfetta. In ultimo vogliamo parlarvi della bellissima iniziativa che hanno preso gli ultras dell’Avezzano per la raccolta di generi di prima necessità da inviare alle popolazioni colpite dal recente terremoto. Aldo Ranieri, uno di quelli che si è subito rimboccato le maniche, dice: “Oltre lo stadio, oltre il nostro modo di essere tifosi, c’è anche uno sguardo all’aspetto sociale. Siamo qui per aiutare tutte quelle persone che in pochi secondi hanno perso tutto ed ora non hanno più niente. Non possiamo far finta di nulla, in questi casi tutte le rivalità si annullano. Per molti siamo solo teppisti, ma come puoi vedere in casi del genere abbiamo un cuore grande così”. Encomiabili! (Pino Razzano)