PIOTR BRANICKI E' UN GIOCATORE DELL'AVEZZANO. SI ASPETTANO SOLO I TEMPI TECNICI PER LA FIRMA DEL CONTRATTO FEDERALE

match

SALVEZZA ADESSO PIU' VICINA

La bella e convincente vittoria di domenica scorsa contro il Matelica ha spazzato via (finalmente diciamo noi) le polemiche delle settimane precedenti. Non più musi lunghi e preoccupati per la classifica ed i risultati che non arrivavano. Adesso c’è spazio solo a facce più distese e rilassate in casa biancoverde. La classifica si è fatta decisamente migliore, non siamo ancora salvi matematicamente, sia chiaro, ma almeno è stata superata quella che abbiamo definito la soglia psicologica dei 30 punti. Lucarelli avrebbe voluto raggiungere i 30 punti a fine gennaio, per disputare una parte finale di campionato più tranquilla. La sua squadra ci è riuscita, invece, un mese dopo, ma non fa nulla. Adesso con i 32 punti conquistati in 26 giornate la salvezza è decisamente più vicina. Mancano una decina di punti per poter stare definitivamente tranquilli in quella che gli inglesi definiscono la “pleasure zone”. Una zona piacevole, confortante, dove ci stai e sei contento, dove guardi tutti gli altri che stanno ancora lottando per raggiungere l’agognata salvezza. L’importante però è continuare a giocare con la stessa intensità di domenica e dare continuità ai risultati. Solo così si potrà raggiungere l’obiettivo ed iniziare a programmare la prossima stagione. Un altro campionato di serie D, il secondo consecutivo, dove l’esperienza maturata quest’anno ci aiuterà di sicuro. Per tornare alla gara vinta con il Matelica, il tecnico Lucarelli ha commentato così la prestazione dei suoi giocatori: “I miei ragazzi hanno giocato una partita perfetta, piena di intensità e di voglia di fare risultato pieno. Volevamo scacciare i malumori delle ultime settimane, l’idea della crisi non ci apparteneva e dovevamo assolutamente fare punti pesanti. Ci siamo riusciti e siamo tutti contenti. Non abbiamo però fatto nulla se non ci confermeremo domenica prossima a Pesaro”. Poi parla dell’obiettivo della salvezza ancora da raggiungere matematicamente: “Noi quest’anno abbiamo avuto tante vicissitudini e quello che ci eravamo guadagnati nel girone di andata, lo stavamo buttando alle ortiche nelle prime giornate di quello di ritorno. Fortunatamente siamo rimasti a galla, giocavamo bene ma non raccoglievamo punti. Mancano tre vittorie per raggiungere la salvezza e poi tireremo le somme di questa stagione. Io sono avezzanese, quindi potete immaginare quanto ci tengo a raggiungere questo risultato”. Domenica si è infortunato, ad inizio ripresa, il difensore Renato Venditti che nelle ultime gare stava giocando con una certa continuità. Rassicuriamo tutti che si tratta solo di una contrattura e non di qualcosa di più serio. “Ne avrà almeno per una settimana – dice il medico sociale dell’Avezzano Dott. Fabbri – e poi tornerà a disposizione del mister. Quasi sicuramente però salterà la trasferta di Pesaro a meno di un miracolo”. Una bella tegola, dunque, e difesa che dovrà essere ridisegnata visto che mancherà ancora Felli. Vedremo quali soluzioni verranno trovate dallo staff tecnico biancoverde. Nella 9^ giornata di ritorno ci sono state 7 vittorie (di cui una esterna, della Vis Pesaro a Fermo per 1-0) e 2 pareggi (0-0 nel derby molisano tra Olympia Agnonese e Campobasso). Pareggia anche la capolista Sambenedettese (1-1 in casa con l’Isernia), ma dietro non ne approfittano. Sconfitte per il Matelica ed il Fano, che ha perso a Chieti per 2-0. In coda perdono le abruzzesi Amiternina (2-0 a Recanati) e Giulianova (5-1 nell’anticipo con il San Nicolò). In casa giuliese si sono dimessi Gelsi e Pisano. Nelle prossime ore si conoscerà il nome del nuovo allenatore, il terzo di questa stagione. La classifica dei marcatori del girone F vede sempre Titone della Samb al primo posto con 15 gol segnati, seguito a quota 14 da Sivilla del Fano e Dos Santos del Chieti.
(Pino Razzano)